Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Martedì 24 Gennaio 2017 - Ore 22:18


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
LE REAZIONI
Rapina di Ghedi, Beccalossi: situazione insostenibile, incontrerò il prefetto
“La situazione, e non certo da ieri, si sta facendo sempre più insostenibile. È per questo che già oggi ho chiesto e ottenuto un incontro urgente al Prefetto di Brescia Valerio Valenti, per manifestargli tutta la mia preoccupazione, di rappresentante delle Istituzioni ma soprattutto di cittadina bresciana, sulla gravissima situazione legata a furti in appartamenti e rapine in villa, di cui il caso verificatosi lunedì a Ghedi è solo l’ultimo esempio”. Lo afferma l’assessore regionale al territorio e dirigente di Fratelli d’Italia Viviana Beccalossi, nel commentare l’episodio della rapina in villa avvenuto a Ghedi, che vede il 36enne Francesco Scalvini in gravissime condizioni dopo essere stato aggredito da tre banditi. “Nel rivolgere i più sent

Commenti 3
mar 24 gen 2017, ore 18.28
IL CASO
Tragedia a Iseo: volontaria 25enne uccisa da marocchino con problemi psichici
La dinamica è ancora tutta da ricostruire, ma la tragedia è certa. Una giovane volontaria di soli 25 anni è stata uccisa oggi mentre operava all'interno della Cascina Clarabella di Iseo. Una struttura protetta che ospita diversi pazienti con gravi disagi psichici. Proprio uno di questi è stato l'assassino della giovane. Il 54enne marocchino (da due anni ospite della Cascina, e regolarmente residente in Italia) ha colpito a morte la giovane con un coltello per motivi futili. L'intervento del personale della struttura non è riuscito ad evitare il peggio. Su quanto accaduto indagano i carabinieri.In serata è stato diffuso il nome della vittima. Si tratta di Nadia Pulvirenti, laureata in Scienze della riabilitazione psichiatrica all'Università di Verona. 

Commenti 10
mar 24 gen 2017, ore 13.59
MONTICHIARI
Minaccia di morte la madre che non voleva comprargli un nuovo cellulare
Ha dato in escandescenze per un cellulare negato e, per l'ennesima volta, ha usato violenza contro la madre. E' intervenuta la Polizia Locale di Montichiari a fermare il ragazzo 18enne che ieri ha minacciato di morte la madre e devastato casa perchè la donna gli aveva negato l'acquisto di un nuovo cellulare, fuori dalla portata economica della famiglia. Un diniego che ha fatto alterare il ragazzo facendolo finire in manette.Non era infatti la prima volta che il ragazzo aveva comportamenti violenti verso la sua famiglia. In passato la madre era addirittura finita in ospedale dopo una discussione con il figlio, secondo quanto riporta il Corriere Brescia. Il ragazzo ora è agli arresti, con l'aggravante di aver anche devastato la camera di sicurezza in cui era stato rinchiuso dagli agenti della Locale. 

Commenti
mar 24 gen 2017, ore 12.25
 
A proposito delle cose che leggo e sento dire in città
Sandro Belli di Sandro Belli* - Leggendo e chiacchierando in città, senza dover restare nella scia di alcuno schieramento politico o finanziario e passando di argomento in argomento senza vincoli o censure osservo e annoto. Leggo che Rolfi, ex vice sindaco, leghista, propone che l'Ospedale dei Bambini diventi ospedale di riferimento, in materia pediatrica, della Lombardia Orientale. Bravo Rolfi che riporti l'attenzione sul tema strategico lombardorientale, tema che Brescia, come capofila, potrebbe ben gestire. Nello stesso giorno anche Tino Bino, in altro contesto, sostiene "... bene il potenziamento della Lombardia Orientale". Ma le persone che incontro, passeggiando, o i giovani dell'università o dei centri sportivi, mi accorgo che nulla sanno della prospettiva (unica e rilevantissima, a mio parere) della Lombardia Orientale. Mi accorgo anche che, al di fuori dei centri sportivi e del mondo dei tifosi, non sono molti coloro che sanno dell'esistenza di un fo
 
Piazza Loggia, non fu una strage di Stato
Alfredo Bazoli di Alfredo Bazoli - Ho letto le motivazioni dell’ultima sentenza sulla strage di piazza loggia. Quella che condanna i due esponenti veneti di Ordine Nuovo imputati, Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte. E sono rimasto colpito dalla capacità che ha avuto la Corte d’assise di Milano di ricomporre il puzzle degli indizi raccolti nella lunga inchiesta in un quadro convincente, coerente, lucido. Ciò è stato possibile per le tenacia inesausta degli inquirenti, e in particolare per una serie di elementi di prova raccolti anche negli ultimissimi anni, a processo in corso, che hanno consentito di superare anche gli ultimi residui dubbi. Manca ancora il giudizio finale della Cassazione, ma questa volta ho la convinzione che le acquisizioni e la ricostruzione operata dalla corte saranno in grado di superare anche l’ultimo vaglio di legittimità. Se così sarà, finalmente non solo noi familiari ma il nostro paese avrà una


(a.tortelli) Il centrodestra in città ha bisogno di una sferzata, deve superare i personalismi, unire le forze ed esprimere un candidato sindaco entro pochi mesi. Ripartendo dall'esperienza di Adriano Paroli. A lanciare l'appello è Mario Labolani, ex assessore ai Lavori pubblici del Comune di Brescia, oggi responsabile del Dipartimento regionale territorio di Fratelli d'Italia. Dopo la sconfitta elettorale e una parentesi lavorativa al Pirellone, Labolani ha cambiat
Opinioni
 
Lavoro, serve un nuovo statuto
Bonometti di Marco Bonometti* - Trovo sia interessante, almeno per qualche aspetto, l’opinione espressa sui giornali da Oriella Savoldi, membro della segreteria CGIL di Brescia. Voglio però sgombrare subito il campo da un errore che, a mio giudizio, Savoldi commette, e che potrebbe avere gravi conseguenze. Savoldi, infatti, mette insieme, sullo stesso piano, due concetti nettamente diversi: l’importanza e l’andamento dell’industria manifatturiera. E da lì parte con un commento satirico all’enfasi acritica a più voci che afferma di aver rilevato sul tema. Vorrei porre alla signora Savoldi, che fa parte di un importante organismo di un sindacato storico come la CGIL, una semplice domanda: lei mette in dubbio l’importanza dell’industria manifatturiera? Pongo la domanda in maniera molto semplice e diretta perché la questione è di rilevanza strategica non solo sul piano delle relazioni industriali, ma su quello ben pi&ugrav
 
Chagall e la polemica sulle grandi mostre
Bragaglio di Claudio Bragaglio* - La mostra di Chagall mi pare sia striata da troppe polemiche. Si tratta ora di evitarne di nuove e di maneggiare con cura quelle già esistenti. Per il buon esito della mostra stessa. Ciò mi porta subito a dire che non m’avventuro sulle questioni tirate in ballo per eventuali interessi del Direttore Di Corato per Mostre, Cataloghi e Case editrici. Di questo risponderanno Piattaforma Civica dell’avv. Onofri e Centro Destra. Per quanto mi riguarda vorrei stare al merito, dicendo di condividere la scelta, seppur estemporanea, della mostra di Chagall, con Dario Fo. Ma, a differenza di altri, in piena coerenza con la mia precedente condivisione anche della proposta di Goldin. Penso infatti abbia ragione il prof. Vasco Frati quando osserva che “al di là delle cortine fumogene… si tratta d’un progetto che ripropone il metodo Goldin dell’iniziativa organizzata chiavi in mano”. Ha quindi senso rileggere la
 
L’abbattimento della Tintoretto e le procedure amministrative
Bragaglio di Claudio Bragaglio* - Ho già motivato sulla Stampa locale la mia contrarietà all’abbattimento della Torre Tintoretto. Una vicenda complessa, ma ignorata oggi nel suo iter. Al punto da ritenere nuova la proposta avanzata da ‘Investire SGR’, quand’era già della Giunta Paroli. E contrastata dall’intero Centro Sinistra.  Mi preme qui richiamare un passaggio decisivo, già fondato motivo d’un esposto alla Corte dei Conti, predisposto da Mirko Lombardi, allora segretario cittadino di Sel. Siamo nel 2012, ed anche in ragione di quel possibile coinvolgimento della Magistratura Contabile, la Giunta Paroli e l’Aler abbandonarono la scelta dell’abbattimento per quella della vendita. La questione riguardava il danno patrimoniale derivante dall’abbattimento. Infatti un abbattimento è legittimo per vari motivi: insicurezza dello stabile, impossibilità di ristrutturazione (si pen














DRAMMA
Abusa della figliastra per anni e la mette incinta, sconterà 8 anni di carcere
Una storia drammatica che lascerà segni indelebili nella sua giovane vittima. Un 53enne bresciano è in carcere a Pavia in cui sconterà una pena di otto anni per aver abusato sessualmente della figliastra, all'epoca dei fatti dodicenne. Ma la vicenda è, se possibile, ancora più drammatica. Perchè la ragazzina - secondo quanto riporta il Corriere Brescia - è rimasta incinta durante questi ripetuti abusi che avvenivano quando la madre, e compagna dell'uomo, usciva da casa per lavorare.La vicenda è emersa quando la ragazzina è stata segnalata dagli insegnanti ai servizi sociali che forse avevano iniziato ad intuire il profondo disagio in cui si trovava. E' così intervenuta la Procura per accertamenti e, di fronte agli investigatori, la ragazza ha iniziato a raccontare. Ed &

Commenti 3
mar 24 gen 2017, ore 10.42
DRAMMA A GHEDI
Rapina in villa a Ghedi, 36enne ridotto in fin di vita da una banda di malviventi
E' caccia aperta alla banda, sarebbero in tre, che ieri sera ha ridotto in fin di vita una ragazzo di 36 anni durante una rapina nella villa del padre a Ghedi. Il ragazzo, Francesco Scalvini, è ora in prognosi riservata alla Poliambulanza di Brescia, e le sue condizioni sono giudicate molto gravi.Secondo le prime ricostruzioni, erano circa le otto di lunedì sera quando la famiglia Scalvini ha udito dei rumori provenire dal loro magazzino di ricambi idraulici posto sotto la casa. Il figlio, il padre e lo zio sono scesi per capire cosa stesse accadendo quando hanno sorpreso tre persone a rovistare nel magazzino. Da qui sarebbe nata una colluttazione durante la quale il giovane ha avuto la peggio venendo colpito alla testa da un pesante arnese di ferro.I tre malviventi hanno guadagnato la fuga a bordo di un'auto ed ora è

Commenti 1
mar 24 gen 2017, ore 10.03
TRAGEDIA
Bimba di 5 anni muore durante un viaggio a Novara. Malnutrizione la possibile causa
Sarebbe la malnutrizione la causa principale di una bimba marocchina di soli cinque anni, morta in seguito ad alcune complicazioni cliniche intervenute mentre stava viaggiando con la famiglia a Novara. Secondo quanto riferito da Beppe Spatola su Bresciaoggi, i genitori – residenti nel Bresciano - avrebbero deciso di ricorrere alle cure dei medici troppo tardi. La piccola, in evidente stato di malnutrizione e disidratazione, è stata ricoverata in codice rosso, ma ogni tentativo di salvarla si è rivelato inutile. Sul caso - sulle cause delle condizioni della piccola e sul perché i genitori abbiano deciso di portarla in viaggio - indaga la procura di Novara.

Commenti
lun 23 gen 2017, ore 14.48
SOCCORSO ALPINO
Berzo Demo, 39enne salvato dopo uno scivolone di 50 metri
Un uomo di 39 anni residente in zona è scivolato nel primo pomeriggio di oggi lungo un sentiero, sopra la località Plane, nei pressi di Loa in Valsaviore, comune di Berzo Demo, frazione di Monte, a una quota di circa 900 metri. Era con la famiglia ma a causa del ghiaccio è scivolato per una cinquantina di metri. Hanno subito chiamato il 112. L’uomo ha riportato la frattura di una caviglia e alcuni traumi ma è sempre rimasto cosciente. Sono intervenuti una decina di tecnici della Stazione di Media Valle della V Delegazione Bresciana - CNSAS Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico), che lo hanno recuperato e trasportato in un luogo sicuro per l’intervento dell’eliambulanza. È stato poi trasferito in ospedale.

Commenti
dom 22 gen 2017, ore 16.05
LIETO FINE
Temù, quattro alpinisti toscani riportati a valle dal Soccorso alpino
Stanotte in Alta Valle Camonica, a Temù, i tecnici della V Delegazione Bresciana del CNSAS Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) sono intervenuti in Val Paghera. In serata il gestore del rifugio Alla Cascata ha notato una luce molto al di sopra di una cascata di ghiaccio, dove c’erano quattro alpinisti toscani. Mentre scendevano hanno incontrato alcune difficoltà impreviste. L’inconveniente ha comportato un ritardo e il sopraggiungere del buio. I tecnici li hanno raggiunti in poco tempo e portati in basso. L’intervento si è concluso verso mezzanotte e mezza, anche grazie all’intervento dei vigili volontari di Vezza d’Oglio, sul posto con la fotoelettrica, che ha illuminato il percorso e agevolato le operazioni di rientro in corda doppia dalla cascata.

Commenti
dom 22 gen 2017, ore 11.27
CONTROLLI
Polizia, chiusa una sala slot abusiva a Montichiari
Polizia, chiusa una sala slot abusiva a Montichiari La Polizia di Brescia, nell’ambito della costante azione di monitoraggio delle attività di raccolta delle scommesse, ha effettuato alcuni controlli straordinari contro il fenomeno del gioco illegale. Il 19 gennaio personale della Divisione amministrativa della Questura, unitamente alla Polizia Locale di Montichiari, ha disposto la cessazione dell’attività di una sala scommesse di Montichiari, denunciando il titolare per il reato di raccolta illegale di scommesse. Il centro, infatti, è risultato essere appartenente ad una società priva della necessaria concessione statale e conseguentemente anche della prescritta autorizzazione di polizia di competenza del Questore. Il titolare di un’altra sala scommesse appartenente allo stesso

Commenti 1
sab 21 gen 2017, ore 13.00
LIETO FINE
Gli agenti di polizia salvano un aspirante suicida in via Noce
 Nei giorni scorsi, un ragazzo bresciano di 23 anni ha tentato di togliersi la vita sul cavalcavia dell’autostrada A4, in via Noce. Automobilisti in transito hanno segnalato al 112 la presenza del giovane, in piedi oltre la balaustra del cavalcavia in apparente stato di trance. Il giovane – che non ha risposto ai richiami – tremava e dava le spalle alla carreggiata reggendosi con due dita di una mano alla rete metallica dietro la sua schiena, dondolandosi avanti e indietro. La Polizia, quindi, ha provveduto alla chiusura dell'autostrada e cinturato l'area dell'intervento. Un agente, prima dell’arrivo del Vigili del Fuoco e dell’attrezzatura idonea, ha individuato un possibile varco di accesso e, tagliato il filo spinato posto a protezione dell’area, è salito sullo stretto cordol

Commenti
sab 21 gen 2017, ore 12.18
CARABINIERI
Fiumi di cocaina sulla Valtrompia. Il coraggio di una barista fa scattare le manette
E' stata la denuncia della proprietaria di un bar a far scattare nuovamente la custodia cautelare per Mario Franzè, calabrese trapiantato in Valtrompia finito nel mirino dei carabinieri con altre 11 persone (tra cui la compagna Veronica Gavioli, ora latitante in Spagna) nell'ambito di una maxioperazione - che ha visti impegnati circa 100 militari - per il contrasto dello spaccio di cocaina. Il 46enne, secondo l'accusa, era a capo di un'organizzazione che riusciva a spacciare oltre un chilo di polvere bianca al mese, con un guadagno di circa 50mila euro esentasse. Un fatto non nuovo, visto che il curriculum criminale è lunghissimo e comprende anche un'accusa per tentato omicidio per storie di droga. Con lui in manette sono finiti Roberto Radici e due fratelli marocchini. Mentre l'ex compagna di Franzè si t

Commenti 3
sab 21 gen 2017, ore 11.46
LA CERIMONIA
A35 Brebemi, consegnate tre autovetture alla Polizia Stradale. Dall'apertura 8889 multe
Sono state consegnate oggi, da parte della Società A35 Brebemi, 3 autovetture alla Polizia di Stato, nello specifico al Servizio di Polizia Stradale, per il pattugliamento dell’autostrada. La consegna, avvenuta alla presenza di Francesco Bettoni Presidente di Brebemi SpA, Duilio Allegrini, Direttore Generale di Brebemi SpA, Roberto Campisi Dirigente del Compartimento Polizia Stradale per la Lombardia e Barbara Barra Dirigente della Sezione Polizia Stradale di Brescia, rientra in un programma pianificato e reso operativo tramite la convenzione sottoscritta nel dicembre 2014 tra Ministero dell’Interno-Dipartimento della Pubblica Sicurezza e la Società di Progetto Brebemi, un piano che definisce l’attività di vigilanza e di servizio di polizia stradale sulle tratte in questione. Le autovettur

Commenti
ven 20 gen 2017, ore 16.23
BRESCIA
Spaccio, 19enne italiano preso con due etti di marijuana
Un 19enne arrestato per spaccio di stupefacenti, 210 grammi circa di droga sequestrata, 230 euro confiscati e una bilancina di precisione requisita. È questo il bilancio dell’intervento della Polizia Locale di Brescia, che risale allo scorso 17 gennaio. Intorno alle 21, durante un controllo ordinario in via Milano, una pattuglia del Nucleo Territoriale Operativo ha notato una Lancia Ypsilon, diretta verso il centro storico, che transitava a velocità elevata. Insospettiti dall’andatura sostenuta, gli uomini del Comando di via Donegani hanno iniziato a inseguire l’automobile. A bordo del veicolo, fermato nella zona di via Spalto San Marco, erano presenti tre persone. Dopo essersi avvicinati alla vettura, gli agenti hanno potuto sentire i passeggeri sussurrare velocemente alcune frasi. Il ragaz

Commenti 6
gio 19 gen 2017, ore 18.31
SENTENZA
Passaporto falso e immagini dell'Isis sul telefono, quattro anni di carcere a un siriano
Quattro anni di carcere. E' stata questa la condanna inflitta da trinunale di Brescia al 31enne siriano Ahmad Alali Alhussein. L'uomo era stato arrestato più di un anno fa, il 17 novembre 2015, mentre si trovava all'aeroporto di Orio Al Serio: con sé aveva un passaporto falso e sul telefonino diverse immagini inneggianti all'Isis. Per questo il 31enne è stato condannato dai giudici, che hanno accolto pienamente le richieste del sostituto procuratore Silvia Bonardi.  

Commenti 27
gio 19 gen 2017, ore 16.41
IL CASO
Desenzano, 62enne tenta di aggredire la ex al bar e finisce in manette
E' finito in carcere il 62enne desenzanese accusato di aver cercato di aggredire la ex 43enne. L'ultimo episodio - secondo quanto riportato da diverse fonti di stampa - risale a pochi giorni fa: l'uomo si è presentato nel locale del centro storico che aveva gestito con la ex compagna e ha tentato di aggredirla. Per fortuna la donna è riuscita a rifugiarsi in un luogo sicuro e a contattare i carabinieri, che in pochi attimi sono arrivati sul posto e lo hanno ammanettato. Il 62enne, infatti, non era nuovo ad episodi simili: dopo la fine della loro relazione, in estate, erano seguiti pedinamenti e minacce. Per questo, poche settimane fa, aveva anche ricevuto l'ammonimento del Questore. Ma evidentemente non è bastato.

Commenti
gio 19 gen 2017, ore 14.53
INCENDIO
Via Valcamonica, completamente distrutta da un incendio una fabbrica di plastiche
Ci sono volute 11 ore di lavoro e 17 squadre dei vigili del fuoco per spegnere l'enorme incendio che ieri pomeriggio ha completamente distrutto una fabbrica in via Valcamonica a Brescia e parzialmente intaccato la concessionaria a fianco. La fabbrica in questione, la Plexilab, si occupa di materiale plastico e proprio da questo, secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe scatenato l'incendio. In giornata è atteso il sopralluogo dei vigili del fuoco per capire la reale causa del rogo, che potranno avvalersi anche dei filmati delle telecamere nella zona.  

Commenti
gio 19 gen 2017, ore 09.49
VIGILI
Stazione, chiuso l'albergo-azienda dei clandestini cinesi. Sequestrati 40 quintali di soia
Oltre 40 quintali di soia sequestrati, una persona denunciata e chiuso un albergo clandestino. Questi i risultati dell’operazione messa in campo dalla Polizia Locale nella mattinata di mercoledì 18 gennaio nella zona della stazione ferroviaria. Dopo alcuni appostamenti, gli uomini del nucleo operativo territoriale, accompagnati da alcuni tecnici dell’Azienda Territoriale Sanitaria e del Settore Edilizia del Comune, sono entrati alle 8 in due appartamenti in viale della stazione. Gli agenti hanno constatato che due ampi locali erano stati trasformati in una sorta di albergo abusivo suddividendo gli spazi in stanze minuscole tramite pareti in cartongesso. Sui tavoli sono stati trovati anche alcuni biglietti e diverse e locandine in lingua cinese che pubblicizzavano l’ostello illegale. All’interno

Commenti
mer 18 gen 2017, ore 18.22
VIA TORRICELLA
Caso Marta Baroni, si va verso l'archiviazione?
Potrebbero chiudersi con l'archiviazione le indagini su Marta Baroni, la transessuale 34enne che fu trovata senza vita lo scorso 24 agosto in un cassonetto di via Torricella. Dopo la richiesta del pm, infatti, ora il gip dovrà decidere se chiudere il fascicolo o ordinare nuove indagini. Di certo restano diversi elementi che fanno riflettere, come il luogo del ritrovamento, l'assenza totale di escoriazioni sul corpo della donna e l'impossibilità di stabilire chi abbia trascorso con lei la notte precedente. Ma anche le presunte minacce di cui Marta avrebbe anche scritto su Facebook nelle settimane precedenti. La morte, secondo i medici, sarebbe dovuta a un mix letale di droghe e a un successivo malore. L'ipotesi più probabile, se così fosse, è che chi era con lei si sia spaventato lasciandol

Commenti
mer 18 gen 2017, ore 16.17
MORTALE A SAN POLO
Schianto fatale a San Polo, mamma e figlia falciate e uccise da una Fiat Multipla
Tragico incidente questa mattina poco dopo le 11 a San Polo. Due donne egiziane, una di 64 anni e la figlia 32enne, sono state travolte da una Fiat Multipla guidata da una donna mentre si trovavano sul marciapiede pronte ad attraversare la strada. L'impatto è stato violentissimo tanto che le due donne sono decedute sul colpo. L'incidente è accaduto proprio nei pressi della Questura di Brescia.Le cause e le esatte modalità dello schianto sono al vaglio degli inquirenti intervenuti sul posto. 

Commenti 3
mer 18 gen 2017, ore 12.26
ARRESTO
Desenzano, perseguitava e minacciava la ex, arrestato 62enne
Il  Commissariato di Pubblica Sicurezza di Desenzano del Garda ha arrestato un cittadino italiano di anni 62, residente a Desenzano, per essersi reso responsabile del reato di atti persecutori nei confronti della ex fidanzata e ex socia in affari, una donna di 43 anni, residente anch’essa a Desenzano. La vicenda ha avuto il suo epilogo alcuni giorni fa quando di pomeriggio veniva richiesto tramite 112 l’intervento di una volante del Commissariato per un'aggressione in atto in un esercizio pubblico nel centro storico di Desenzano. Gli operanti giunti sul posto sono entrati all’interno del locale, in quel momento chiuso al pubblico e con la serranda abbassata, e hanno bloccato l’uomo accompagnandolo in Ufficio. Dalla donna, scossa e intimorita, hanno appreso che l'ex poco prima si era introdotto nell’

Commenti 1
mer 18 gen 2017, ore 11.19
QUESTURA
Insultano corteo pakistano con il saluto fascista, Daspo per quattro Ultràs del Brescia
Il Questore della Provincia di Brescia ha disposto il provvedimento di Daspo (cioè il divieto di accesso in tutti gli stadi e gli impianti sportivi nel territorio nazionale in occasione di tutti gli incontri di calcio, oltre ai luoghi di transito e trasporto di partecipanti a tali manifestazioni sportive) per quattro persone, tutte poi risultate aderenti al gruppo ultras “Curva Nord Brescia”. Per tre di loro il divieto avrà una durata di cinque anni, già convalidato dall’Autorità Giudiziaria; per il quarto, incensurato, il provvedimento avrà durata di due anni. I quattro sono di età compresa tra i 29 ed i 39 anni, tutti residenti in provincia.Il provvedimento è scaturito da un comportamento tenuto dai quattro in occasione di una manifestazione religiosa avvenuta l’11

Commenti 13
mar 17 gen 2017, ore 11.04
IMMIGRAZIONE
Gavardo, sedicenne incinta abbandonata davanti al Pronto Soccorso
Una ragazzina sedicenne, di origini nigeriane, è stata scaricata domenica pomeriggio davanti al Pronto Soccorso di Gavardo. La ragazza, che parla solo inglese, è riuscita a spiegare ai medici di essere stata violentata in Libia, paese in cui era arrivata dalla Nigeria per tentare di fuggire all'estero. Ora la ragazza sarebbe incinta di quattro mesi.La giovane, attualmente ricoverata all'ospedale di Gavardo, sarebbe arrivata in Italia a bordo di un barcone e avrebbe vissuto un breve periodo a Gela, in Sicilia, in un centro di accoglienza. I Carabinieri della locale stazione stanno indagando sulla sua storia. 

Commenti 3
mar 17 gen 2017, ore 10.44
CIVILE
Arrestato ladro con il vizietto degli ospedali
Non si faceva scrupoli a derubare gli ammalati, frugando nei loro armadietti mentre dormivano o nei momenti in cui si assentavano dalla stanza. E’ stato arrestato sabato, I.G., cittadino bresciano del 1961, dopo che nei giorni scorsi aveva messo a segno alcuni furti al Civile. Sottoposto alla misura dell’obbligo di firma alla Stazione dei Carabinieri di Brescia a causa di alcuni furti negli ospedali, l’uomo - tossicodipendente e disoccupato – trovandosi in degenza all'ospedale ha deciso di riprendere la vecchia “attività”. Ma venerdì, alle 23, è stato notato da un'infermiera, che – insospettita dal suo atteggiamento – ha fatto alcune verifiche con i pazienti, scoprendo che erano stati rubati ben cinque telefoni. Per questo è stato arrestato.

Commenti
lun 16 gen 2017, ore 13.15
IL CASO
Bimba morta di meningite, lunedì parte la commissione di indagine dell'Ats
Il Direttore generale di Ats (ex Asl) di Brescia, Carmelo Scarcella, comunica che lunedì 16 gennaio 2017 verrà formalizzata la costituzione della Commissione volta a valutare e accertare la conformità delle attività, rispetto alle procedure previste e necessarie, svolte dai sanitari della ASST Spedali Civili nella presa in carico della bambina di 5 anni deceduta presso l’ospedale cittadino l’11 gennaio u.s. per una meningoencefalite da pneumococco. La Commissione, istituita su mandato e in accordo con la Direzione generale Welfare di Regione Lombardia, sarà presieduta dal Direttore sanitario di Ats Brescia e composta da un medico legale, un pediatra, un dirigente del Dipartimento per la Programmazione, Accreditamento, Acquisto delle Prestazioni Sanitarie e Socio Sanitarie di ATS e da

Commenti 3
dom 15 gen 2017, ore 12.51
SICUREZZA
Via Foppa, la Polizia torna al bar e lo chiude per altri dodici giorni
Nuova chiusura per il bar di via Foppa che già lo scorso 13 ottobre era stato sottoposto a provvedimento del questore. Nell'ambito di un servizio di controllo straordinario disposto dalla questura, infatti, gli agenti sono tornati nell'esercizio pubblico. Tra il 28 dicembre e il 10 gennaio sono stati quattro i controlli, che hanno portato al fermo di due clandestini, uno dei quali armato di coltello a serramanico. ”Considerando che – si legge nel comunicato ufficiale - nonostante l’adozione di analogo provvedimento da parte di questo Ufficio, emesso in data 12 ottobre u.s., si continui a rilevare un grave pregiudizio per l’ordine e la sicurezza pubblica, a causa della costante presenza nell’esercizio in preambolo, di pregiudicati per vari reati ed accertato che il pubblico esercizio &egr

Commenti 2
sab 14 gen 2017, ore 13.01
IL CASO
Carpenedolo, 17enne accusato di aver violentato una coetanea durante una festa
I carabinieri stanno indagando sulla festina a base di alcol di Carpenedolo in cui un 17enne avrebbe violentato una coetanea. Secondo l'ipotesi investigativa il giovane – studente di buona famiglia - avrebbe fatto ubriacare la ragazza per poi approfittarne, nonostante le sue resistenze, quando questa si è coricata per riposare in una stanza della villa in cui si teneva il party. Smaltita l'ebbrezza la giovane avrebbe fatto quindi post allusivo su Facebook, a cui è seguita – con l'aiuto dei genitori – la segnalazione ai Carabinieri, che ora stanno indagando sul caso su mandato della procura dei minori. Per il 17enne - secondo cui la giovane era consenziente - è scattata la misura cautelare dell'obbligo di residenza in una comunità di accoglienza di Brescia in attesa della conclusi

Commenti
ven 13 gen 2017, ore 15.07
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
21:17 Sandro
24 gen - Vai alla news »
Vista la simpatia espressa dal neo rettore per la Lombardia orientale, perché non provate ad impostare un piano ( almeno sul tema scuola/ cu
21:09 considerazione
24 gen - Vai alla news »
Non lo rimpiango affatto. Gia' allora i cattocomunisti non avevano un candidato locale da contrapporre alla forte avanzata della lega e, sic
21:08 considerazione
24 gen - Vai alla news »
Non lo rimpiango affatto. Gia' allora i cattocomunisti non avevano un candidato locale da contrapporre alla forte avanzata della lega e, sic
20:50 Stefano p.
24 gen - Vai alla news »
Io sono di Iseo e mi chiedo ...... ma con tutti i problemi che abbiamo nel nostro paesane, ma perché se quello è MAROCCHINO dovevamo proprio
20:24 CARA MINEO
24 gen - Vai alla news »
Come mai il processo per la morte dei coniugi siciliani da un residente nel CARA DI MINEO, non è ancora iniziato? Aspettano per caso che vad
20:17 REATO
24 gen - Vai alla news »
Al Prefetto si dovrebbe chiedere anche di guardare in internet "reato di clandestinità" e apparirà il link di Wikipedia che spiega che quand
20:17 REATO
24 gen - Vai alla news »
Al Prefetto si dovrebbe chiedere anche di guardare in internet "reato di clandestinità" e apparirà il link di Wikipedia che spiega che quand
20:03 ALBERTO MA..
24 gen - Vai alla news »
IL povero marocchino regolare, regolarizzatto dai buoni e buonisti vari per puro caso non ha fatto la stessa cosa con altre donne che faceva
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...